Vinili: tutto quel che c’è da sapere per diventare un collezionista

0

Dedicarsi ad una collezione è un hobby appassionante e soddisfacente. Spesso può anche condurci a fare nuove amicizie, scoprire nuovi posti e vivere nuove avventure. Si può collezionare di tutto: oggetti di uso più o meno comune. Una delle collezioni forse più utili ed appaganti è, molto probabilmente, quella di vinili.

 

Perché collezionare vinili?

Ascoltare la musica su vinile, ormai, non è solo un’esperienza per nostalgici del passato, ma anche per appassionati di musica. Il commercio dei vinili è in piena espansione al momento e collezionarne potrebbe anche rivelarsi un buon investimento.

 

Quali sono i vinili più rari?

I vinili più rari (e costosi) del mondo, quelli più ricercati dai collezionisti sono questi cinque dischi:

  • Ummagumma (1969) – Pink Floyd (ad oggi vale più di 13.000 dollari!)
  • Love Me Do (1962) – The Beatles (valore attuale superior ai 14.000 dollari!)
  • Supernatural Girl (1974) – Ferris Wheel (la stampa originale vale poco più di 15.000 dollari)
  • God Save The Queen (1975) – Sex Pistols (valore superiore ai 16.000 euro)
  • The Black Album (1994) – Prince (vale quasi 30.000 dollari!)

Alcuni dei vinili italiani più rari sono invece i seguenti:

  • Vento caldo/Marciapiede – Franco Battiato (1971)
  • Contrasto – Pooh (1968)
  • Ingresso libero – Rino Gaetano (1974)
  • Mina con voi – Mina (1969)
  • Anime salve – Fabrizio De Andrè (1996)
  • Chica Chica Bum – Mia Martini (1989)

 

Ricerca di vinili classica

Come valutare i dischi in vinile?

Se il disco ha un codice a barre è utile eseguire lo scan con la App di Discogs per trovarlo immediatamente. Nel caso in cui non si possa eseguire lo scan, bisogna controllare il Numero di Catalogo. Spesso si trova sulla copertina o stampato nell’etichetta del vinile stesso. Infine, è anche possibile eseguire una ricerca usando il numero del codice a barre.

 

Quanto costa un vinile?

Ad oggi, il prezzo medio di un vinile in un mercato come quello italiano può variare dai 20 ai 35 euro. La nuova ondata di popolarità ha portato a discreti rialzi dei prezzi anche da parte di vecchi negozi di dischi. E’ però possibile trovare buone occasioni online e nei negozi sia per l’acquisto di vinili nuovi ma soprattutto usati. Online vi consigliamo di cercare sia negli e-commerce delle librerie, sia nei negozi specializzati (anche esteri!).

 

Sei vinili da avere assolutamente nella propria collezione

  • King Crimson – “In the Court of the Crimson king”: è il primo album in studio del gruppo britannico, pubblicato nel 1969 dalla Island Records.
  • Nirvana – “MTV Unplugged in New York”: MTV Unplugged in New York è il primo album dal vivo del gruppo statunitense, pubblicato nel 1994 dalla Geffen Records.
  • Clash – “London calling”: album doppio uscito nel 1979. Compare nella lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone alla posizione numero otto.
  • Jeff Buckley – “Grace”: E’ il primo album in studio del cantautore e chitarrista statunitense, pubblicato nel 1994 dall’etichetta Columbia Records.
  • Rolling Stones – “Let it bleed”: pubblicato nel 1969 dalla Decca Records nel Regno Unito, e dalla London Records negli Stati Uniti nello stesso anno.
  • James Brown – “Live at Apollo”: album live di James Brown, registrato all’Apollo Theater di Harlem, New York, e pubblicato nel 1963.

 

Approfittate dell’eccezionale promozione di IBS: vinili classici, edizioni speciali e molto altro ancora fino al -60%! Clicca qui! 

 

Condividi.

Ti potrebbe interessare anche:

Seguici su Facebook

VAI AL SITO

BUONI SCONTO

CAMPIONI OMAGGIO