Risparmiare in casa: la couponista dei record

0

La Guida al Risparmio di BuoniCoupon

Gli sport estremi sono l’ultimo rifugio per gli appassionati d’adrenalina: un mix di azione, rischio e voglia di sentirsi vivi li spinge ad attaccarsi a mani nude su una roccia a strapiombo, oppure a lanciarsi da un camion in movimento su un viadotto alto decine di metri. Esiste però un tipo di sport non convenzionale che anche i più sedentari e meno coraggiosi possono intraprendere con la sicura chance di successo: si tratta dell’extreme couponing, termine coniato nel mondo anglosassone che può essere tradotto con “couponismo estremo”. Di cosa si tratta?

Extreme Couponing: come funziona?

L’extreme couponing consiste nello sfruttare coupon e offerte per acquistare una notevole quantità di prodotti a fronte di una spesa minima. Il mestiere di couponista estremo è un impiego a tempo pieno, come Donna L. Montaldo spiega nel suo articolo Extreme Couping – Finzione o realtà?:

I couponisti estremi, in realtà, lavorano tutto il giorno per raccogliere diversi coupon e confrontarli con gli sconti attivi nelle varie catene. Alcuni studiano anche le politiche commerciali dei negozi per riuscire a risparmiare il più possibile. Molti impiegano più di 40 ore alla settimana nel raccogliere, organizzare e valutare i migliori scenari per riscattare i coupon; alcuni si svegliano all’alba per piazzarsi davanti ai negozi all’apertura così da azzerare il rischio di arrivare quando i prodotti in sconto sono già esauriti.

hqdefault

La missione di couponista estremo, come se non fosse già complessa di per sé, è resa ancor più difficile in Italia dalla legislazione nazionale e dalla cultura locale. In USA e Regno Unito, il coupon è parte della vita di tutti i giorni: viene allegato alle riviste, ai giornali, è ampiamente impiegato nelle campagne promozionali dalle maggiori catene di distribuzione e, in generale, garantisce al consumatore attento un sostanziale risparmio. Anche se in Italia la situazione si va lentamente modificando, i veri campioni di extreme couponing sono di casa in America e UK. E’ il caso di Holly Smith, regina incontrastata delle couponiste inglesi.

Holly Smith, professione couponista

12373335_974739585932511_4782610467582938764_n

Prima d’iniziare la sua scalata alle vette del coupinismo, Holly Smith era una semplice mamma inglese di neanche trent’anni con il pallino del risparmio.

Ho iniziato la raccolta dei coupon perché volevo risparmiare per la mia famiglia in modo da poterci permettere vacanze e qualcosa di carino.

Col passare degli anni, Holly ha iniziato a dedicare una fetta sempre crescente della propria giornata al couponismo fino a gestire un sito, un blog  e una pagina Facebook di grande successo tra le couponiste d’oltre Manica.

La spesa dei record – Numeri da capogiro

E’ una fredda mattina di dicembre quando Holly, accompagnata da uno stuolo di aiutanti, bussa alla porta del supermercato Tesco, meta selezionata dopo attenti calcoli e valutazioni legate a sconti, coupon e cabale varie. Nel corso di sei ore riuscirà a raggranellare prodotti per 1360 euro (1200 sterline) senza tirar fuori un penny dal borsellino: pagano i Coupon. E’ così che Holly ha totalizzato il record mondiale di spesa con coupon.

l

La giovane casalinga, spiegano in un articolo del Telegraph, non ha intenzione di tenere per sé il malloppo: innanzitutto perché c’è abbastanza materiale da riempire più carrelli della spesa, decisamente troppo per una dispensa domestica, anche se ben attrezzata come quella di Holly. La vera ragione che ha fatto desistere Holly dall’intascarsi una montagna di alimenti e prodotti per l’igiene intima è però un’altra: la spesa dei record è destinata alla Benjamin Foundation, istituzione caritatevole che accoglie e assiste i senzatetto. In realtà la donazione è stata ancor più ricca perché, al termine dell’impresa, i dirigenti Tesco hanno deciso di offrire un loro contributo, sicché il conto finale della spesa di beneficenza ha raggiungo i 2800 euro (2500 sterline).

La spesa dei record – Com’è stato possibile?

Accumulare coupon per 1360 euro e poi, incrociandoli con offerte e promozioni, portare a casa alimenti per due mesi – come ha fatto Holly? A suo dire, è tutta questione di gentilezza:

Ho un metodo: scrivo alle marche e ai produttori di quel che conservo in dispensa. Spiego ai miei bimbi da dove vengono i vari prodotti e inviamo ai brand una cartolina in cui li ringraziamo. Non chiedo nemmeno un coupon, mi limito a inviare un biglietto simpatico agli indirizzi che accettano posta a carico del destinatario. Funziona molto bene.

Holly stabilisce quindi un primo contatto con l’azienda che spesso le risponde allegando coupon e sconti sui propri prodotti: una lettera inviata al salumificio inglese Heck le ha fruttato 170 euro di prodotti alimentari inviati dalla stessa Heck, che non prevede l’uso di coupon.

holly-coupon-queen-mum

La frizzante couponista inglese sa anche cogliere le occasioni:

Mettiamo che stia guardando la Tv, incrocio una pubblicità di una marca che festeggia il suo anniversario. Faccio un salto dal cartolaio, mi procuro una cartolina a buon mercato e gliela invio con i miei auguri. Così, senza chiedere niente in cambio.

La tattica di Holly sembra piuttosto strampalata ma è più astuta di quanto si creda. Come spiega lei stessa nell’intervista, il personale addetto alle relazioni con il pubblico gestisce un certo numero di coupon da spedire ai consumatori. A chi preferiranno inviarli? A quanti, la maggioranza, scrivono per lamentarsi di un prodotto o a chi si presenta con una foto sorridente in compagnia dei propri bimbi?

Giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, Holly ha spedito lettere alle aziende e ricevuto buoni sconto fino ad assemblarsi nel ricco mazzo che le ha permesso la sua spesa da record: sono bastate sei settimane per raccogliere tutto e organizzare la spedizione. Sebbene questa spesa sia stata progettata per massimizzarne i guadagni in vista di un’azione caritatevole, Holly si attiene quotidianamente al suo metodo di raccolta coupon, riuscendo così a risparmiare quasi 8000 euro nel corso di un anno.

I consigli di Holly

10710993_732977276775411_2073044041203776598_n

Sulla scia del suo successo, Holly ha scelto di condividere con gli aspiranti extreme couponist una lista di consigli per massimizzare il risparmio con coupon e similari.

  • Chiedi ai direttori del punto vendita quando inizieranno gli sconti in modo da pianificare il momento più adatto alla tua spesa. I negozi preferiscono svendere i propri prodotti piuttosto che cestinarli, basta essere pronti a cogliere l’occasione al volo.
  • Se hai un blog o una pagina social, scrivi ricette che includano un alimento specifico o scatta un selfie che ti raffiguri in compagnia di un prodotto. Ricordati di taggare le aziende e incrocia le dita, non si sa mai.
  • Accumula coupon prima di una spedizione e aspetta l’attivazione di promozioni specifiche per risparmiare il più possibile.
  • Preparati ad accumulare derrate in dispensa, così da approfittare al massimo delle offerte speciali con un periodo di validità a termine.

 

Condividi.

Ti potrebbe interessare anche:

Seguici su Facebook

VAI AL SITO

BUONI SCONTO

CAMPIONI OMAGGIO