Sei libri da leggere almeno una volta nella vita

0

Ci sono libri, capolavori della letteratura internazionale, che non si può far a meno di aver letto. Opere emozionanti o anche solo così importanti per la società che vanno assolutamente lette per comprenderla più a fondo. In questo articolo vogliamo approfondire con voi la conoscenza di cinque testi imprescindibili (romanzi ma anche saggi) che dovreste leggere o che potreste regalare a qualcuno a cui volete molto bene. Un modo intelligente per dedicarsi alla lettura anche se abbiamo una vita frenetica e poco tempo è affidarsi agli e-reader. Basta estrarre il vostro device, andare sullo store dedicato ed acquistare il volume. Dove e quando volete:l’unica cosa che vi serve è una connessione Internet (potete anche usare anche il vostro smartphone come hotspot!)

Approfitta della fantastica promozione: scegli il tuo e-reader Kobo Nia e… Buona Lettura!

 

Il Processo, di Franz Kafka 

Il processo è un romanzo incompiuto di Franz Kafka scritto fra il 1914 ed il 1915 e pubblicato postumo per la prima volta nel 1925. Ritenuta una delle sue migliori opere, racconta la storia di Josef K., un uomo arrestato e perseguito dall’autorità senza che venga mai a sapere la natura del suo crimine. K. è un impiegato bancario, pragmatico e razionale: è sicuro che si tratti solo di un malinteso e cerca di venire a capo della situazione con la logica che lo caratterizza. Ma neanche il suo avvocato gli spiega la situazione. I personaggi e la storia rendono quest’opera una delle più emblematiche dello stile angoscioso e spersonalizzante di Kafka. Per molti un capolavoro su come la lucidità non possa prevalere sull’ineluttabilità di una giustizia incomprensibile.

 

Delitto e castigo di Fedor Michajlovic Dostoevskij 

E’ uno dei romanzi russi più famosi ed influenti di tutti i tempi. Delitto e castigo venne pubblicato nel 1866 ed è ambientato a San Pietroburgo. È davvero un delitto eliminare una persona se quella morte può andare a beneficio di molti e salvare la vita di tante persone? L’opera ci accompagna nel processo psicologico del giovane Raskol’nikov, che decide di uccidere una vecchia strozzina per salvarsi la vita, forte della sua superiorità morale e dell’idea di essere nel giusto. Un viaggio nelle profondità della mente umana. Un’opera di bruciante attualità, nella quale Dostoevskij ha saputo cogliere a partire dalla sua epoca l’importanza di quesiti etici e morali che, ancora oggi, non trovano una risposta univoca.

 

Il nuovo mondo di Aldous Huxley

Brave New World (nel titolo originale)è un romanzo di fantascienza di genere distopico scritto nel 1932 da Aldous Huxley. È il suo romanzo più famoso e ne sono stati tratti alcuni adattamenti televisivi. Descrive un mondo del futuro in cui tutta la Terra è sotto il potere di dieci “controllori” e l’intera società è rigidamente controllata tramite pratiche scientifiche che vanno dal controllo delle nascite all’indottrinamento psicologico fino alla selezione, per via eugenetica, della razza umana. Un romanzo dall’incredibile forza profetica ambientato in un immaginario stato totalitario del futuro, nel quale ogni aspetto della vita viene pianificato in nome del razionalismo produttivistico e tutto è sacrificabile a un malinteso mito del progresso.

 

ragazzo che legge con ereader

 

Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar 

Marguerite Yourcenar immagina che Adriano scriva in vecchiaia una lettera in cui ripercorre tutta la sua vita, i trionfi, le sconfitte. Ma anche la sua passione per le arti e la cultura ed il suo amore per il giovane Antinoo. Giudicando la propria vita di uomo e l’opera politica, Adriano viene rappresentato come un uomo consapevole e lucidissimo. La storia è raccontata in prima persona ed il primo capitolo rappresenta l’inizio della lettera scritta al futuro nipote adottivo Marco Aurelio, suo erede al trono.

Frankenstein di Mary Shelley 

Frankenstein è un romanzo gotico, horror, fantascientifico scritto dall’autrice britannica Mary Shelley fra il 1816 e il 1817, all’età di 19 anni. Mary Shelley ha dato alla luce un libro incredibile, che ci parla della creazione e dei limiti dell’uomo, tramite la vicenda del Dottor Frankenstein. Frankenstein ha scoperto come poter dare la vita a un essere inanimato e mette in atto il suo incredibile progetto. La creatura è viva, ma estremamente ripugnante. Vorrebbe vivere come tutti, quando però si rende conto che questo non gli è permesso, inizia a ripudiare chi lo ha scelleratamente generato. Venne pubblicato nel 1818 e modificato dall’autrice per una seconda edizione del 1831. Ancora oggi resta un classico imperdibile da leggere almeno una volta nella vita.

 

Il secondo sesso di Simone de Beauvoir

Il secondo sesso è un saggio della scrittrice e filosofa francese Simone de Beauvoir pubblicato a Parigi nel 1949 e in Italia, nel 1961. Con questo saggio l’autrice affranca la donna dallo status che la obbliga a essere l’Altro dall’uomo, senza avere l’opportunità di costruire il proprio sé. Passa in rassegna tutti i ruoli attribuiti dal pensiero maschile alla donna per approdare alla cosiddetta “femme indépendante”. Una donna che non si accontenta di aver ricevuto una tessera elettorale e qualche libertà di costume, ma che attraverso il lavoro, l’indipendenza economica e la possibilità di autorealizzazione riuscirà a chiudere l’eterno ciclo della subalternità al sesso maschile. Un imperdibile viaggio tra mitologia, antropologia e storia: uno dei libri la cui lettura è assolutamente imprescindibile.

Condividi.

Ti potrebbe interessare anche:

Seguici su Facebook

VAI AL SITO

BUONI SCONTO

CAMPIONI OMAGGIO