Esenzione ticket per reddito 2018: a chi spetta e come richiederla

0

Con l’esenzione ticket per reddito, lo Stato italiano mira ad agevolare i trattamenti medici alle persone che non potrebbero altrimenti sobbarcarsi le spese di esami, prestazioni ambulatoriali e farmaci prescritti da un professionista medico.

A chi spetta l’esenzione ticket per reddito

a volte ottenere l'esenzione può essere un calvario

Sono numerose le categorie di cittadini che possono usufruire dell’esenzione ticket per reddito:

  • Bambini con meno di 6 anni appartenenti a un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a 36.151,98 [codice esenzione E01]
  • Anziani con più di 65 anni appartenenti a un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a 36.151,98 [codice esenzione E01]
  •  Disoccupati
    • se il reddito è inferiore a 8.263, 31 euro [codice esenzione E02]
    • con coniuge a carico se il reddito è inferiore a 11.362,05 euro [codice esenzione E02]
    • con coniuge e figli a carico se il reddito è inferiore a 11.362,05 + 516, 46 euro per ogni figlio [codice esenzione E02]
  • Percettori di assegno sociale e familiari a carico [codice esenzione E03]
  • Titolari di pensione minima con più di 60 anni appartenenti a un nucleo familiare
    • se il reddito complessivo non è superiore a 8.263,31 euro [codice esenzione E04]
    • con coniuge a carico se il reddito complessivo è inferiore a 11.362,05 euro [codice esenzione E04]
    • con coniuge e figli a carico se il reddito è inferiore a 11.362,05 + 516, 46 euro per ogni figlio [codice esenzione E04]

Quando scade l’esenzione ticket per reddito

alcune esenzioni ticket per reddito non scadono

E’ bene tenere a mente che alcuni dei codici esenzione hanno una scadenza annuale. Occorre pertanto comunicare in maniera tempestiva se il reddito è variato.

  • I codici esenzione E01, E02, E03, E04 hanno validità fino al 31 marzo di ogni anno
  • I codici esenzione E01, E03, E04 sono sempre validi per gli over 65 a meno che non intervengano modifiche al reddito

Come richiedere l’esenzione ticket?

Normalmente non dovrebbe essere il cittadino a domandarla: l’Agenzia delle Entrate dovrebbe infatti fornire una lista degli aventi diritto alle ASL e ai medici di famiglia. Il certificato d’esenzione ticket per reddito arriva via posta o, in caso di mancato ricevimento, può essere richiesto agli sportelli ASL abilitati.

Alcuni titolari dell’esenzione, però, potrebbero non essere presenti in lista: a disoccupati e pensionati, ad esempio, spetta rivolgersi alle ASL per ottenere un certificato provvisorio dalla validità annuale. I documenti da presentare sono i seguenti:

  • autocertificazione con riferimento al reddito complessivo del nucleo familiare riferito all’anno precedente
  • autocertificazione della condizione di percettore di pensione minima o sociale
  • autocertificazione della condizione di disoccupazione con indicazione del Centro per l’impiego presso cui è depositata la sottoscrizione a comunicare la data di cessazione dello stato di disoccupazione
  • dichiarazione della consapevolezza delle conseguenze di carattere penale per il rilascio di false dichiarazioni, nonché della consapevolezza che l’Azienda sanitaria locale attiverà il successivo controllo della veridicità della dichiarazione resa
  • copia di un documento d’identità in corso di validità

Come funziona l’esenzione ticket?

l'esenzione ticket per reddito è sottoposta al controllo dei singoli professionisti

Una volta inseriti nella lista dei titolari dell’esenzione ticket per reddito non bisogna fare altro: ogni qual volta ci si rivolgerà a un medico per una prestazione o una ricetta, spetterà al professionista controllare per via telematica se il richiedente ha diritto o meno a non pagare quella specifica prestazione.

Per quali farmaci è valida l’esenzione ticket

Le regole cambiano di regione in regione: alcuni governi locali hanno emanato la lista dei soggetti esenti al ticket, altri hanno esteso l’esenzione a farmaci di fascia diversa. In generale, ci si regola così:

  • Medicinali di fascia A: gratuiti per tutti
  • Medicinali di fascia A con nota AIFA: gratuiti solo per alcune categorie
  • Medicinali di fascia C: a pagamento per tutti gli assistiti

Per avere maggiori informazioni occorre rivolgersi all’ASL di pertinenza.

La novità del 2018: crescono le esenzioni del super-ticket

il superticket e le relative esenzioni variano di regione in regione

Il super-ticket è un importo variabile che si aggiunge al normale ticket sanitario: introdotto nel 2011, varia di Regione in Regione, di prestazione in prestazione. Alcune Regioni, infatti, hanno completamento abolito questo super-ticket, mentre altre hanno fissato un costo (10 euro) o una scala di riduzioni proporzionali al reddito.

La Legge di Bilancio 2018 avrebbe dovuto abolire il super-ticket: così non è stato, anche se risultano ampliate le esenzione ticket per reddito, che ora includono:

  • i bambini
  • gli anziani che hanno redditi familiari inferiori a 36.150 euro all’anno
  • i disoccupati
  • i pensionati al minimo e gli invalidi civili

Oltre agli esentati per reddito, hanno diritto a non pagare il super-ticket le seguenti categorie:

  • gli invalidi per motivi di lavoro o servizio
  • i malati cronici o affetti da patologie gravi

mentire per le esenzioni è un reato


Se t’interessano la tutela del lavoro domestico e gli incentivi e alle famiglie in difficoltà economica, ti consigliamo di dare un’occhiata anche a questi articoli:

 

Condividi.

Ti potrebbe interessare anche:

Seguici su Facebook

VAI AL SITO

BUONI SCONTO

CAMPIONI OMAGGIO