Cinque frasi da non dire mai al proprio partner

0

Cinque frasi da non dire mai al proprio partner

Sviluppare e mantenere una comunicazione profonda all’interno della coppia è auspicabile ma, purtroppo non semplice. E’ indubbio che per far funzionare una coppia bisogna imparare a comunicare nel modo giusto dedicando tempo al partner ed alla relazione. Oggi il tempo scarseggia: tra impegni lavorativi, hobby e la voglia di rilassarsi senza pensieri davanti ai social network. Eppure è bene ricordare che è fondamentale riuscire a dedicare il giusto tempo a noi stessi ma anche alla coppia, instaurando una comunicazione reale e non virtuale.

John Gottman, professore dell’Università di Washington, ha rilevato la presenza di quattro macro problemi comunicativi all’interno delle coppie che finiscono per separarsi o divorziare.

Il primo è l’attitudine alla critica costante. Si criticano la personalità, le abitudini, le idee del partner e si ha la tendenza ad attribuirgli connotati negativi.

Il secondo è la tendenza ad assumere una posizione di superiorità rispetto al partner, finendo per dargli (più o meno direttamente) dell’idiota.

Il terzo è l’abitudine a mettersi sulla difensiva dando sempre la colpa all’altro.

Il quarto ed ultimo problema riguarda la presenza di atteggiamenti di chiusura o negazione della comunicazione. Che si riassume nel classico “Non ho proprio voglia di discutere”.

Di seguito abbiamo raccolto cinque frasi da non pronunciare mai, perché non agevolano la comunicazione.

  1. “Te l’avevo detto”

Questa frase e tutte le sue varianti (“Ci avrei giurato!” ecc.) ha il potere di troncare qualsiasi desiderio comunicativo proprio sul nascere. Di solito chi la pronuncia lo fa in tono stizzito o deridendo il partner ed è comprensibile che quest’ultimo si senta giudicato e si metta sulla difensiva. E’ una frase che suona come il classico rimprovero genitoriale e, all’interno di una coppia, comunica presunzione ed assenza di empatia. Ricordate: in una coppia si deve anche essere liberi di sbagliare. Fatevi un esame di coscienza e cercate di capire se date abbastanza fiducia al partner e, soprattutto, se non perdete occasione per giudicare i suoi errori. In caso affermativo fate un passo indietro, ammettete i vostri limiti e cercate di trovare insieme un compromesso per evitare altri spiacevoli litigi.

  1. “Stai zitto/a!”

Non esiste un’espressione più aggressiva di questa, tra quelle comunemente dette nel corso di un diverbio. Spesso viene detta in modo scocciato, a volte violentemente, al fine di bloccare la discussione che, magari, sta degenerando. In questo caso sarebbe meglio utilizzare frasi più rispettose e concilianti in grado però di trasmettere lo stesso messaggio. Come, ad esempio “Puoi calmarti per favore?”

  1. “È tutta colpa tua”

All’interno di una coppia è assolutamente sbagliato incolpare qualcuno o, comunque,  instillare sensi di colpa. Un atteggiamento che denota una forte immaturità, dato che in tutte le coppie la responsabilità (quanto meno gran parte) va condivisa. E dato che la colpa è spesso di entrambi, occorre adottare la logica della condivisione. Incolpare l’altro blocca il dialogo ed allontana la soluzione del problema.

  1. “Devi fare questo”

Rivolgersi al partner in modo autoritario è sempre un errore. In questo modo viene meno l’equilibrio necessario ad una coppia felice e stabile. Una sana relazione fra due persone adulte è basata sul rispetto reciproco.

  1. “Stai esagerando”

Durante una litigata, non c’è niente di peggio del tono paternalistico. Sminuire le argomentazioni di una persona che sta esprimendo il proprio disagio, i propri sentimenti o la propria frustrazione è una vera e propria mancanza di rispetto.

Condividi.

Ti potrebbe interessare anche:

Seguici su Facebook

VAI AL SITO

BUONI SCONTO

CAMPIONI OMAGGIO