Bonus mamma domani 2018: come richiedere gli 800 euro

0

Cos’è il bonus mamma domani 2018?

Il bonus mamma domani 2018 è un contributo di 800 euro corrisposto dallo Stato alla future mamme. La norma, introdotta il 1° gennaio 2017, è ancora valida e le condizioni non sono cambiate.

Il premio alla nascita di 800 euro (bonus mamma domani) viene corrisposto dall’INPS per la nascita o l’adozione di un minore, a partire dal 1° gennaio 2017, su domanda della futura madre al compimento del settimo mese di gravidanza (inizio dell’ottavo mese di gravidanza) o alla nascita, adozione o affido.

A chi è destinato il bonus mamma domani 2018?

i soldi ottenuti col bonus mamma domani 2018

Il premio è rivolto alle donne in gravidanza, alle madri che hanno appena partorito o che hanno recentemente adottato un bambino: il bonus mamma domani 2018 è pensato per aiutarle a sostenere le ingenti spese legate all’arrivo di un pargolo in famiglia.

Per avere diritto al bonus, bisogna soddisfare uno dei seguenti requisiti:

  • aver compiuto il settimo mese di gravidanza
  • aver partorito (anche se il bimbo è prematuro)
  • aver adottato un minore (adozione nazionale o internazionale disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge 4 maggio 1983, n. 184)
  • aver ricevuto l’affidamento di un minore (affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi dell’art. 22, c. 6, l. 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34, l. 184/1983)

Il premio viene assegnato in un’unica soluzione per ogni nascita, adozione o affidamento e in relazione a ogni figlio nato, adottato o affidato: questo significa che un’adozione doppia o un parto gemellare darà diritto a un bonus proporzionale al numero di bimbi nati o adottati.

I requisiti per richiedere il bonus mamma domani 2018

le carte necessarie per il bonus mamma domani 2018

L’inps individua alcune categorie di cittadine che hanno diritto agli 800 euro:

  • chi ha la residenza in Italia e la cittadinanza italiana
  • chi ha la residenza in Italia e la cittadinanza comunitaria
  • chi ha la cittadinanza italiana
  • chi ha la cittadinanza comunitaria
  • le cittadine non comunitarie in possesso dello status di rifugiato politico (articolo 27, decreto legislativo 19 novembre 2007, n. 251)
  • le cittadine non comunitarie col permesso di soggiorno UE per lunghi periodi (articolo 9, decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286)
  • le cittadine non comunitarie in possesso di una della carte di soggiorno per familiari di cittadini UE (previste dagli artt. 10 e 17, decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30)

Quando richiedere il premio

Le donne che ambiscono a ricevere il bonus mamma domani 2018 dovranno far pervenire la domanda dopo il compimento del settimo mese di gravidanza ed entro un anno dalla nascita/adozione/affidamento.

Come richiedere il premio

La domanda deve pervenire all’INPS attraverso tre canali:

  • via internet, grazie al servizio dedicato sul portale INPS cui si accede con l’immissione del PIN
  • chiamando il numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure il 06 164 164 da rete mobile
  • attraverso patronati e intermediari

I documenti necessari

i documenti da produrre per avere il bonus mamma domani 2018

Alla domanda andrà allegato la certificazione dello stato di gravidanza secondo 4 modalità alternative:

  • presentazione del certificato originale o di copia autenticata
  • numero di protocollo telematico rilasciato dal medico del sistema sanitario nazionale o convenzionato ASL
  • indicazione che il certificato è già stato trasmesso all’INPS per una domanda relativa a un altro servizio connesso alla medesima gravidanza
  • le madri non lavoratrici possono indicare il numero a 15 cifre e la data di rilascio di una prescrizione medica (emessa da medico del SSN o convenzionato) indicante il codice esenzione compreso tra M31 e M42

Nel compilare la domanda per il bonus mamma domani 2018 andranno auto-certificati una serie di requisiti a seconda dei casi:

  • permesso di soggiorno: i cittadini extra-comunitari sono tenuti a inserire gli estremi di questo documento (numero d’attestazione, autorità rilasciante, data di rilascio, termine di validità).
  • parto già avvenuto: la neo mamma dovrà fornire le generalità del bambino (codice fiscale). Nel caso di parto plurimo, occorre fornire i riferimenti di ogni bambino.
  • adozione/affidamento nazionale: indicare i dati del provvedimento di adozione o affidamento (tipologia, numero, data del provvedimento e autorità che lo ha emesso, tipologia del provvedimento; numero del provvedimento; data del provvedimento; autorità che ha emesso il provvedimento) o allegare il provvedimento stesso.
  • adozione/affidamento internazionale: indicare i dati dell’autorizzazione dell’ingresso del minore in Italia rilasciata dal CAI (numero dell’autorizzazione; data dell’autorizzazione), oppure numero e data dell’autorizzazione, oppure copia dell’autorizzazione, oppure dichiarazione sostitutiva.
  • certificato di data d’ingresso in famiglia.
  • adozione pronunciata nello stato estero: indicare i dati del provvedimento di trascrizione allo stato civile del provvedimento d’adozione emesso dallo stato estero (tipologia, numero, data del provvedimento e autorità che lo ha emesso), oppure copia del provvedimento.

Come viene erogato il bonus mamma domani 2018?

L’INPS ha previsto cinque modalità di pagamento:

  • bonifico presso ufficio postale
  • accredito su conto corrente bancario
  • accredito su conto corrente postale
  • libretto postale
  • carta prepagata con IBAN

Se t’interessano la tutela del lavoro domestico e gli incentivi e alle famiglie in difficoltà economica, ti consigliamo di dare un’occhiata anche a questi articoli:

Condividi.

Ti potrebbe interessare anche:

Seguici su Facebook

VAI AL SITO

BUONI SCONTO

CAMPIONI OMAGGIO