Bath bombs: 5 cose che (forse) non sai sugli accessori da bagno più effervescenti del momento

0

Le bath bombs (bombe da bagno) hanno scombussolato il mondo della cosmetica e del body-care in tutto il globo: da qualche tempo sono in vendita anche in Italia. Consistono in sferette di materiali secchi che a contatto con l’acqua vanno in effervescenza. Le bath bombs sono insomma un’alternativa frizzante ai classici oli da bagno.

Con le bath bombs, l’abluzione nella vasca si trasforma in un viaggio multisensoriale, in cui colori, profumi e calori si mescolano in un’esperienza caleidoscopica. A contatto con questo curioso accessorio, l’acqua del bagno inizia colorarsi, spargendo venature di diversi colori e diffondendo glitter che rimangono in sospensione nel liquido. Il profumo e la composizione ipnotica dell’acqua ti aiuteranno a rilassarti, specialmente se li accompagni a un buon libro, a un bicchiere di vino e a della musica adeguata.

bersi un bicchiere mentre si è in compagnia delle bath bombs

Sebbene siano già apprezzate all’estero, le bath bombs sono ancora poco conosciute in Italia, dove il bagno è ancora vissuto come un momento incentrato sull’igiene più che sulla cura del corpo. Abbiamo allora scelto di raccogliere alcune informazioni e curiosità che ti aiutino ad orientarti in questo colorato mondo.

Le bath bombs hanno una data di scadenza?

i mille colori delle bathbombs

Sicuramente diventano meno efficaci col trascorrere del tempo: più sono “fresche” più scoppiettano. Alcuni “fanatici” le conservano all’interno dei tupperware o le avvolgono nella plastica da cucina per evitare che perdano le loro peculiarità. Non è chiarissimo se questa pratica ne prolunghi o meno la vita, fatto sta che quando la superficie della sfera entra a contatto con l’ossigeno inizia a ossidarsi, generando una reazione chimica che depriva le bath bombs della loro frizzantezza.

Quanto devo aspettare prima di scivolare nella vasca?

rilassarsi con le bath bombs

Una bomba da bagno a strati impiega circa cinque minuti a espletare tutta la sua effervescenza. Se dopo quel lasso di tempo il processo si è completato, salta pure in bagno. Non è semplicissimo predire con esattezza quanto tempo impiegheranno a sciogliersi perché la frizzantezza si sprigiona una volta che l’acqua ha scavato fino al cuore delle bath bombs ed ognuna è fatta a modo suo. Se per esempio l’acqua la penetrasse in più punti, o più rapidamente, il tempo dell’attesa sarebbe senza dubbio minore.

Come lavo via i glitter dal bagno?

come lavare le bath bombs

Basta l’acqua! Nelle bombe da bagno sono stati inseriti alcuni tensioattivi che rendono le sue componenti più permeabili, in modo che sia più facile rimuoverne le macchie dalle superfici. Se non riesci a farle andare via con un getto d’acqua deciso, prova a ripassare con shampoo o gel da doccia: non occorrono detergenti specifici né saponi aggressivi.

Posso lavarmi i cappelli nell’acqua delle bath bombs?

lavarsi i capelli nell'acqua delle bathbombs

In generale, non dovrebbero causare problemi ai capelli. Mescolati all’acqua, troverai gli oli essenziali e l’acido citrico che svolgono pressappoco la funzione del balsamo – basta tenerne conto quando applichi altri prodotti alla tua chioma.

Posso usare le bath bombs se ho una pelle sensibile?

le bath bombs a contatto con la pelle

Gli ingredienti delle bombe da bagno non sono aggressivi e non irritano le pelli normali. Se la tua è molto sensibile, prova a evitare le sfere con più strati o quelle che includono limonene, linalolo e sodio lauriletere solfato.

Se le bathbombs t’intigrano, puoi trovare un’offerta conveniente sul Amazon. Basta cliccare qui.

Condividi.

Ti potrebbe interessare anche:

Seguici su Facebook

VAI AL SITO

BUONI SCONTO

CAMPIONI OMAGGIO